Locale di Design: copia o esclusività?

narciso-1
Narciso (Caravaggio)

Un pò di tempo fa ho partecipato all’ inaugurazione di un locale a qualche chilometro da casa mia, Etoile cafè- bistrot- bar- tabacchi- edicola.
Durante la permanenza in quel locale la mia attenzione si e’ focalizzata sugli interni del piccolo bar.

Locale Fotocopia: Caso n°1

Come avviene spesso quando si visita un locale pubblico non tutto può piacere a primo impatto, anche stavolta noto cose carine e cose che mi disturbano. A colpirmi positivamente è stato il soffitto: una soluzione con cubi di legno di diverse dimensioni fissati direttamente al solaio, con l’illuminazione integrata.Purtroppo, le cose che mi disturbano sono di più come:

  • il colore della luce, troppo fredda per il tipo di locale.

  • Gli archi finti in polistirolo con i capitelli dorici non si integrano con lo stile del soffitto,

  • La pavimentazione ed il trattamento delle pareti non si integra con il resto (con carta da pareti e piastrelle in gres con effetto finta pietra).

Locale 1
Etolile (Montoro_AV)

Quando vedo qualcosa che non mi piace inizio a fantasticare su cosa avrei fatto al posto dell’architetto di questo locale. Avrei valorizzato maggiormente la bella idea del soffitto e magari riempito tutto il locale con quei cubi di legno anche sulle pareti. Mentre fantastico sul progetto dell’ Etoile, ricevo una telefonata, è Carmine, un mio amico, che con tono interrogativo mi chiede se ho voglia di uscire. Mi chiede dove sono e se ho voglia di fare un giro a Salerno con altri amici e mangiare qualcosa, mi da mezz’ora di tempo per prepararmi. Alle 21:30 si fanno vivi i miei amici e come capita spesso iniziano a decidere in macchina cosa fare.

C’è chi vuole andare da una parte chi da un’altra ed alle volte ci infiliamo in discussioni che vanno ben oltre l’ora di cena. Quando ci infiliamo in certe discussioni a molti passa la fame ed anche la voglia di muoversi. Stranamente quella sera però non c’è alcuna discussione.

Locale 2
Laltrolato (Salerno)

Tutti prendono per buone le parole di apprezzamento di Giuseppe per un wine bar salernitano chiamato “Laltrolato”, che conosce però solo di fama. Alle 22:00 siamo all’ingresso del locale, al centro storico di Salerno. Una volta entrato però la mia prima impressione non è piacevole, come Neo nel film Matrix mi sembra di avere un déjà vu.

Ho la sensazione di essere ritornato all’Etoile, il locale di prima.

C’è lo stesso soffitto e lo stesso colore del bancone, sembrano due gocce d’acqua, differiscono in pochi elementi,. Si vede che Laltrolato ha uno stile più coerente  qui l’architetto è partito da una sola idea che ha portato avanti e forse ha subito il “plagio”. L’architetto de Laltrolato non si è limitato a copiare pezzi di vari locali e unirli in un unico progetto, un po’ come è stato fatto all’Etoile.

Locale Fotocopia: Caso n°2

Locale 3
In Cantiere (Mercogliano_AV)

Con ancora il ricordo vivo di quella serata e dei due locali fotocopia, la settimana dopo Maria, un’altra mia amica, mi racconta entusiasta che la sera prima ha provato un nuovo ristorante a Mercogliano (AV).

La cosa che gli è rimasta impressa oltre all’ottimo cibo era il design mi dice, tutto li dentro mi spiega ricorda un cantiere infatti si chiama “In cantiere”.

Per farmi vedere il locale, mi mostra qualche foto di quella serata, al che mi concentro meglio sul design e le dico: “scusa ma non è che ti sei sbagliata ed eri al “Vinile” di Salerno?”.

Lei risponde “ no, ero a Mercogliano non a Salerno”.

locale 4
Vinile (Salerno)

Beh, anche in questo caso ci sono due locali identici a pochi chilometri di distanza, due locali che possono rientrare nel giro serale della stessa persona, perché distanti circa 30 km tra loro.

Non faccio l’investigatore per mestiere, mi limito a fare l’Architetto e non saprei quale dei due locali tra “Vinile” e “In cantiere” sia nato per primo e sinceramente non me ne frega tanto. L’unica spiegazione che riesco a dare di quest’ultimo caso di “plagio” è che sempre in più locali sono utilizzati materiali di riciclo, come idea di design per gli interni.

Mamma…… mi hanno copiato il locale!

La tendenza in voga in questi anni è lo stile industriale ed il riciclo creativo. In pratica vengono messi in bella mostra elementi che fino a qualche tempo fa venivano nascosti. Fili elettrici, tubazioni degli impianti sono molto spesso messi in risalto. Le pareti sono stonacate completamente ma anche parzialmente per mostrare i mattoni e cemento armato del paramento murario. Col riciclo creativo vengono esaltati i materiali di recupero e trasformati nella loro funzione originaria. Con questo stile è molto semplice trovare i complementi d’arredo e gli elementi di design sono estremamente economici. La rete elettrosaldata, i tubi innocenti delle impalcature, i pannelli di legno usati per  le casseforme del cemento armato e i pallet sono l’arredo perfetto di un locale progettato con questo stile.

mamma-ho-perso-aereoDei locali citati oltre al design ed al nome non conosco praticamente nulla.

Valutando questi pochi elementi si può affermare che solo in un caso su quattro posso c’è coerenza tra nome e design. Solo “In cantiere” è l’unico il cui nome corrisponde al design scelto.

Cosa puoi fare?

Quando scegli l’architetto di un locale pubblico, nelle sue mani non metti solo un immobile ma la tua futura attività commerciale, la tua impresa. E’ di fondamentale importanza che tutto quello che riguarda l’impresa che gestisci sia coerente.

Nome coerente

Rendere coerente nome e design è importante sia all’immagine e che alla promozione del locale.Quando infatti, i clienti si trovano bene in locale tendono a parlarne bene con i propri amici, pensaci sicuramente lo avrai fatto anche tu. Per consigliare un locale si scambiano più o meno le stesse informazioni che ho scambiato con Maria. Si dicono cose di questo genere : “ sai ieri sono stato in un posto veramente bello, ho mangiato benissimo. Aspè come si chiama ……..In Cantiere, si si proprio cosi. Si chiama così perché sembra di stare in un cantiere. I tavoli sono delle assi di legno, sulle pareti c’è rete elettrosaldata ecc…………si trova a Mercogliano”.

Il passaparola

Per aiutare il passaparola del tuo locale e ricevere pubblicità gratis devi impressionare i tuoi clienti e rendere memorabile il tuo locale.Devi far in modo che i tuoi clienti si ricordano il nome del tuo locale. Il nome oltre all’indirizzo è l’elemento fondamentale per la localizzazione del ristorante. A volte è la prima cosa che viene dimenticata, se non c’è qualche elemento coerente o simbolico all’interno del locale che lo ricordi.

Un esempio

Verifica su internet qual è dei ristoranti più visitati e recensiti di Salerno. “La Botte Pazza” è una piccola trattoria, sai cosa c’è in bella vista appena entrati? Si si, proprio una botte. La caratteristica memorabile di quel ristorante è il vino gratis che sgorga da un rubinetto posto al centro di una piccola botte. Per questo locale il passaparola è semplicissimo visto che presenta 2 elementi coerenti collegati al nome: il vino (gratis) e la botte in bella vista. Quando esci dal locale ti assicuro che la botte la ricordi di sicuro. Aprire un ristorante, non è una decisione che puoi prendere a cuor leggero, quando deciderai di farlo pensa bene a chi affidarti il progetto del tuo locale. Non correre il rischio di avere un locale uguale ad altri 1.000, un pò come è successo a quelli citati o peggio, identico a quello vicino al tuo!

Alla prossima.

Per una consulenza, clicca qui!

P.S. Per rimanere in contatto con Studio Ristorante puoi inserire la tua migliore mail nel form, così riceverai tutte le novità e gli articoli nuovi del blog. Inserendo la mail inoltre, potrai scaricare GRATIS il Manuale di Studio Ristorante “Le 9 regole da conoscere prima di progettare o ristrutturare un ristorante, applicate ad un caso reale”.

 

 

Michele Pandolfelli

Michele Pandolfelli

Da piccolo avevo due grandi passioni: la cucina ed il disegno. Oggi mi diletto sempre a cucinare, ma nel frattempo sono diventato Architetto......
L'Architetto dei ristoranti.
Michele Pandolfelli
Ti e' Piaciuto? Condividi!

Lascia un commento

Privacy Policy